VENERDì 1 settembre
ore 21.15
Chiostri di S.Corona

due uomini quattro donne locandina

Regia
Anna di Francisca
Genere
COMMEDIA
Durata
95'
Anno
2015
Produzione
CARLO BERNABEI PER HELES PRODUCTION, SONIA RAULE PER PIXSTAR, IN COLLABORAZIONE CON RAI CINEMA
Cast

Miki Manojlovic - Edoardo, Maribel Verdú - Julia, Eduard Fernández - Emilio, Laia Marull - Victoria, Ana Caterina Morariu - Marta, Gloria Muñoz - Manuela, Héctor Alterio - Il Generale, Carmen Mangue - Ngari, Manuela Mandracchia - Sara, Neri Marcorè - Carlos, Marzia Bordi - Alice, Luisa Gavasa - Aida, Joan Gadea - Carmelo, Massimo De Lorenzo - Vigile, Hector Juezas - Pablo, Leandro Rivera - Cameriere, Jorge Calvo - Alvaro, Serena Grandi - Irma, Antonio Resines - Presentatore

Trama

Edoardo vive un momento di crisi. E' un compositore dotato di grande talento che, per circostanze caratteriali ed esistenziali, fatica ad accettare compromessi; la sua realtà creativa e lavorativa non lo soddisfa. La sua vita affettiva ne ha risentito pesantemente ed è anche a causa di questo che la sua capacità di sopportazione e di mediazione crolla. Ed è allora che Edoardo si prende una sorta di "periodo sabbatico". Quando arriva in Spagna, è un uomo cinico, rompiscatole, stufo di se stesso e demotivato, incapace ormai di scrivere musica in cui si riconosca. L'impatto con quel piccolo paese, le sue donne, i suoi colori e sapori lo fa aprire di nuovo alla vita e alle emozioni, e gli fa ritrovare l'energia anche per comporre di nuovo la "sua" musica. Così come le donne che gli ruotano attorno, anche Edoardo compie un suo percorso di cambiamento. Quello che si instaura tra Edoardo e gli altri personaggi è una sorta di scambio terapeutico, che si attua soprattutto grazie al potere comunicativo della musica.

Critica

"Tra cliché di zitelle focose e un nostalgico ex generale franchista - razzista ma non per davvero - la commedia di Anna Di Francisca percorre un canovaccio già visto e collaudato per scrivere la storia corale di un paesino - tradizionale e tradizionalista - alle prese con il cambiamento." (Giovanna Branca, 'Il Manifesto', 8 giugno 2017)

"Il terzo lungometraggio della De Francisca (di lei ricordiamo con amore nel 1996 'La bruttina stagionata' con un immenso, e sconosciuto all'epoca, Fabrizio Gifuni in versione comica) è stata una coproduzione caotica (la pellicola è datata 2012). Ma il cast è così vivace e bello da vedere da rendere tutto fresco e gradevole. Bravissimo Marcorè come barbiere geloso. Ma il più bravo di tutti è il decano argentino Alterio, ultraottantenne all'epoca delle riprese. Il suo ex generale è un vero spasso." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 8 giugno 2017)

"La commedia, a volte mélo, altre malinconica, poco divertente, ha il punto di forza nel cast, nel quale fanno parte, in ruoli più piccoli, anche Neri Marcorè e Serena Grandi. Peccato per una sceneggiatura esile e depressa come la mucca del titolo." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 8 giugno 2017)

"(...) commedia polifonica che può avere piacevoli effetti collaterali, ovvero terapeutici. Alla quarta prova dietro la macchina da presa, Anna Di Francisca ('La bruttina stagionata'), pur senza incantare e osare troppo, eleva a potenza un cast affiatato ed empatico, ridando al cinema un attributo spesso vilipeso: (ri)conciliante. Che poi, diciamolo, già la vita è grama, pure i film?' (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 15 giugno 2017)

Trailer


Altre informazioni

Soggetto: Anna di Francisca, Giuseppe Furno
Sceneggiatura: Anna di Francisca, Javier Muñoz, Giuseppe Furno, Valentina Capecci
Fotografia: Duccio Cimatti
Musiche: Paolo Perna
Montaggio: Simona Paggi
Scenografia: Víctor Molero
Costumi: Lena Mossum
Suono: Biel Cabré, Pablo Demichelis, Massimo Pisa

Nata nel 1961 a Milano. Regista e sceneggiatrice. Inizia come aiuto regista e segretaria di edizione di registi come Giuseppe Bertolucci, Gianni Amelio, Pal Gabor. Nel 1996 dirige il primo lungometraggio per lo schermo, "La bruttina stagionata", di cui scrive anche la sceneggiatura, che ottiene la Menzione speciale al Prix Europa a Berlino, il Premio Leone Magno alla regia e all'attrice protagonista e viene candidato sia ai Nastri d'Argento che al David di Donatello. Nel 2002 ottiene numerosi riconoscimenti in vari festival con "Fate un bel sorriso", una coproduzione tra Italia, Francia e Grecia. Contemporaneamente inizia a lavorare per la tv dove, fra l'altro, firma per Raiuno la regia della serie televisiva "Un medico in famiglia" (1998) e "Le ragioni del cuore". Scrive e realizza documentari come "Un giorno da leggere" (2007) nell'ambito di una ricerca per l'Università di Siena e la Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori.

 

 

credits:

http://www.cinematografo.it

http://www.mymovies.it

http://www.movieplayer.it

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.